Il portale dell'informazione calabrese.

Castrovillari (Cs) :: GIU’ LE MANI DALLA NOSTRA ASL

302

 Si autosospendono in massa i dirigenti politici del centrosinistra castrovillarese

 

CASTROVILLARI :: 2007-05-02 :: Le forze politiche del centrosinistra castrovillarese, subito dopo aver appreso, con sgomento ed incredulità, la proposta di accorpamento delle Asl calabresi, formulata dalla Commissione Bilancio, nel corso dell’ultima seduta del Consiglio regionale della Calabria, conclusasi a tarda notte il 30 aprile scorso, hanno immediatamente convocato un tavolo politico permanente di lotta, di cui fanno parte i segretari di tutte le forze politiche del centrosinistra, per discutere e scongiurare qualsivoglia tentativo di sopprimere l’azienda sanitaria di Castrovillari.

Le forze dell’Unione non riescono ad intravedere motivazioni oggettive che possono essere alla base di una scelta cosi’ delicata ed infausta per questo territorio che verrebbe ad essere ulteriormente impoverito dalla cancellazione di una azienda, quella sanitaria,  che offre opportunità di lavoro a oltre 1200 famiglie.L’area geografica del  nord Calabria, con questo colpo di mano del Consiglio regionale, dovrebbe essere accorpata, insieme ai territori della Sibaritide e del Tirreno cosentino, in una unica mega asl, quella di Cosenza, che aumenterebbe il suo bacino di utenza a circa 750.000 abitanti, tutto cio’ in palese antitesi con le politiche di decentramento e con le direttive dello stesso Piano Regionale per la salute.Una logica perversa e priva di quel minimo di confronto che possa far sì che le scelte, anche le piu’ dure, possano essere condivise, induce i dirigenti del centrosinistra castrovilarese, ad intraprendere tutte le forme di lotte e ad ergere barricate per impedire che, ancora una volta, lo sviluppo e la crescita di questo territorio, venga stravolto da una classe dirigente regionale che  appare distante anni luce dalle esigenze reali delle popolazioni amministrate.La prima azione di lotta intrapresa, è l’annuncio dell’intenzione di autospensione in massa di tutti i dirigenti politici del centrosinistra castrovillarese cui seguiranno successive e piuu’ drastiche determinazioni, tempestivamente concordate con gli organismi nazionali.Nella consapevolezza che un problema cosi’ sero, debba coinvolgere tutte, indistintamente le forze politiche, si fa appello anche agli altri candidati a sindaco e alle rappresentanze politiche di concordare e condividere azioni politiche e di protesta in una logica comune di difesa del lavoro e del diritto alla salute.

I segretari cittadini di:DS-SDI-PSDI-MARGHERITA-PDCI-VERDI-PDM 

CASTROVILLARI 1 MAGGIO 2007

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: