fbpx

Cosenza :: Straordinario successo per i ‘Sapori d’Autunno’ a Donnici.

COSENZA :: 08/10/2012 :: Un grande lavoro di squadra premiato da uno straordinario successo. Questa frase da sola basterebbe a racchiudere il commento dei consiglieri Massimo Bozzo e Francesco Spadafora ad una edizione della sagra del vino e dell’uva di Donnici – da quest’anno “Sapori d’Autunno” – difficile da dimenticare. Come è difficile credere che un evento di questa portata, lungo tre giorni, abbia potuto scorrere liscio come l’olio, per restare in tema di prelibatezze locali.

E proprio per questo, i due consiglieri di maggioranza e di riferimento della frazione a sud di Cosenza, non si risparmiano nei ringraziamenti dettagliati a quanti, a vario titolo, hanno contribuito al successo della manifestazione. Su tutti c’è l’Amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Mario Occhiuto, che all’appuntamento donnicese ha riservato le competenze e l’impegno di ben due assessorati, quello alle Attività economiche e produttive di Luciano Vigna e quello alla comunicazione di Rosaria Succurro.

Ottimo, poi, il lavoro dei Vigili Urbani e delle Forze dell’Ordine, a tutela della sicurezza delle migliaia di persone che hanno affollato la sagra, in particolare nella serata di sabato che – a detta degli organizzatori – ha toccato punte di ventimila presenze. E grazie anche all’AMACO per il servizio di navette gratuito e fino alle 2 del mattino, del quale hanno usufruito tantissimi visitatori. Puntuale ed efficiente anche l’intervento di Ecologia Oggi che ha provveduto alla fornitura dei contenitori per i rifiuti e soprattutto ha garantito la bonifica dei luoghi della sagra.

In ultimo, ma non certo per importanza, i consiglieri Bozzo e Spadafora porgono un sentito ringraziamento alle cantine di Donnici e all’Associazione “ViviDonnici”, organizzatrice dell’evento, molto apprezzato nella sua nuova impostazione che ha dedicato spazio alla riscoperta di tradizioni andate perdute. I giochi popolari nelle contrade, culminati nel palio degli asini, hanno dato un tocco di significativo recupero di identità all’appuntamento. “Apprezziamo che un’associazione giovane e fatta di giovani abbia condotto il pubblico alla riscoperta di valori antichi che si è accompagnata all’apprezzamento per gli standard qualitativi, sempre in crescita, delle nostre cantine – commentano Bozzo e Spadafora.

Su questi giovani contiamo perché l’anno che ci separa dalla prossima sagra possa tenere accesi i riflettori su una realtà vivace e produttiva,  realizzando nuove idee ed attivando nuovi stimoli in vista della prossima edizione per la quale auspichiamo un sempre maggiore successo”.