Il portale dell'informazione calabrese.

Orsomarso (Cs) :: Paravati deve fare i conti con gli impegni presi.

376

Il sindaco di Orsomarso non può dimenticare il programma e abbandonare i giovani che l’hanno sostenuto.La crisi non è superata, le deleghe ridistribuite non rispondono alle esigenze dei cittadini. Pappaterra: Cersosimo  farebbe bene a dimettersi da  capogruppo di maggioranza. Paravati non ci rappresenta, la richieste dell’associazione “La Scossa”sono state eluse.

Ad Orsomarso il problema è l’assenteismo. Nessuno rappresenta adeguatamente in seno alle istituzioni le necessità del territorio. Coloro che dovrebbero assolvere questo compito, come il sindaco Paravati, dimostrano inefficienza. Gli assessori rinominati sono i principali detentori del fallimento politico dell’aggregazione di maggioranza consigliare del comune di Orsomarso. Non ci sono porte aperte al dialogo e l’umiltà, con la quale si è fondato il successo elettorale e la nomina del Sindaco, Angelo Paravati, si è trasformata a mera voce di sufficienza e superficialità in tutti gli interventi a favore della cittadinanza. Il pregiudizio, l’arroganza, l’interesse personale, soprattutto di qualche assessore, interposto a quello collettivo, l’arrivismo politico clientelare costituitosi dopo la nomina dello stesso Sindaco a commissario dell’ente inutile denominato “Consorzio di Bonifica Valle Lao”, pregiudicano tutti i rapporti sociali del paese arrecando danni e disagi che si ripercuotono incessanti sulla popolazione , sui giovani, nelle associazioni culturali e sugli operatori economici presenti nella valle dell’Argentino. Nel paesino più caratteristico del Parco del Pollino, la politica non è frutto di un impegno concreto per la società, ma una continua occupazione di Potere che offusca ogni possibilità di sviluppo. Orsomarso, oggi è un paese all’abbandono, eppure, Il Sindaco avrebbe tutte le carte in tavola per cominciare a proporsi seriamente a favore della cittadina, ma preferisce mancare e delegare il vuoto a rappresentare le istanze per il progresso. Non ci sono settori in cui i cittadini non hanno problemi, dal Parco del Pollino alla viabilità è tutto un disastro, la funzione sociale dell’amministrazione comunale è azzerata dal pressappochismo a dalla mancanza di trasparenza degli organi di rappresentanza. Le previsioni di miglioramento sono annullate e parlare di programma, con assessori che aristocraticamente girano fra le vie abbandonate del paese, è come parlare di niente.   Oggi è necessario incubare e seminare un nuovo progetto politico per il futuro,  perché le speranze per il territorio di Orsomarso si vanificano attraverso l’esempio di inefficienza dimostrato dall’amministrazione Paravati che dovrà, comunque, fare i conti con gli impegni presi. Serve, però, colpire duro al cuore del problema,ritrovare la forza e  affrontare con coraggio la classe dirigente inefficiente per tentare la riforma democratica necessaria a risollevare le sorti socio-economiche del paese. Questa è la sfida,sulla quale chiediamo vi sia una riflessione attenta da parte di tutte le associazioni e di tutti i gruppi politici di Orsomarso,e rappresenta  l’inizio del percorso che l’associazione “La Scossa” intende portare avanti per il futuro come progetto politico e  azione di stimolo per il dialogo e il progresso.  Cersosimo Angelo è chiamato, ancora una volta, a meditare sulle dimissioni di capogruppo di maggioranza per costituirsi come gruppo autonomo “La Scossa” all’interno il consiglio comunale, così come richiesto dal direttivo del movimento politico.  

Orsomarso lì 24/02/2007

Il Presidente dell’associazione “La Scossa”Antonio Pappaterra

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: