Il portale dell'informazione.

Praia a Mare: l’artista Salvatore Pepe parteciperà alla cinquantaduesima Biennale di Venezia.

312

PRAIA A MARE :: 08/06/2007 :: Domenica  si alza il sipario  sulla  cinquantaduesima Biennale di VENEZIA presieduta da Davide Croff  che ha organizzato  per questa Esposizione Internazionale d’Arte,  una selezionata serie di eventi di particolare interesse e tra questi “Camera 312 – promemoria per Pierre” evento riportato nel catalogo ufficiale della mostra. A questo importante progetto è stato invitato a partecipare l’artista di PRAIA A MARE Salvatore Pepe, ed un altro artista calabrese d’adozione, Salvatore Anelli, tra i più apprezzati e impegnati nella ricerca artistica attuale.

Il progetto, realizzato dal Milan Art Center e curato da Ruggero Maggi é dedicato al critico d’arte  francese Pierre Restany, una delle più autorevoli figure dall’arte del ‘900.  “Pierre Restany – scrive Maggi – fondatore del Nuovo Realismo e figura carismatica di critico e di libero pensatore, che ha influenzato in modo preponderante il mondo dell’arte contemporanea, ha soggiornato in maniera continuativa per oltre trent’anni nell’ormai storica camera 312 dell’Hotel Manzoni di Milano; dopo la sua scomparsa ho pensato di rendergli omaggio con un progetto non solo a lui dedicato, ma su di lui incentrato. L’arredamento originale della camera 312 dell’Hotel Manzoni verrà presentato all’interno degli spazi espositivi, le cui pareti saranno totalmente avvolte da fluttuanti Post-it® gialli… un modo semplice, diretto, colorato e fluxus per far annotare ad ogni artista invitato la propria testimonianza poetica. Per cogliere l’intima atmosfera della stanza attraverso i messaggi artistici appositamente creati, l’installazione inizierà sulle pareti per poi proseguire sui mobili, ricoprendo lo spazio circostante con isole di colore rigorosamente giallo che coinvolgeranno ed avvolgeranno lo spettatore. Sarà proprio questa diversità d’approccio e d’utilizzo di materiali vari (stampe digitali, interventi grafici e pittorici, video, …) sugli stessi Post-it® a dare all’operazione una visuale il più possibile ampia dei linguaggi artistici contemporanei ed a creare interesse nei visitatori attraverso la visione integrale dell’intervento sitespecifice la molteplicità delle singole opere. Come parte integrante dell’installazione saranno proiettate la performance che verrà presentata il giorno dell’inaugurazione e la puntata, in cui è stato ospite lo stesso Restany, del programma d’arte e cultura “Passerpartout” condotto da Philippe Daverio”. Salvatore Pepe, formatosi nell’ambiente della nuova generazione artistica romana, ha vissuto per molti anni a Roma e Perugia. Sostenitore dell’importanza della decentralizazione dell’arte è stato  promotore e  responsabile del Museo Civico di Praia a Mare. Attualmente è docente all’ Istituto d’Arte di Luzzi-Cosenza. Negli ultimi tempi, la sua ricerca artistica densa di consistenza storica-evocativa di sapore mediterraneo si è basata sui temi dell’alfabeto geometrico-minimale, occupandosi dei problemi cromatici e dell’alternanza ritmica di linee verticali e orizzontali, di piani neri e colorati sia nella bidimensionalità che nella tridimensionalità. Salvatore Anelli, originario di Comiso, ma calabrese d’adozione, docente al Liceo Artistico di Cosenza è tra i fondatori di “Vertigo”, Centro internazionale per la cultura e le arti visive. Nei suoi  ultimi lavori rivela le tracce di un humus cosmico nonchè il viaggio eterno del segno, che assume nuove forme  nel suo divenire dialettico dello spazio.  Un appuntamento significativo per i due artisti che nella propria carriera hanno sempre lavorato con serietà e professionalità collaborando con i massimi esponenti dell’arte contemporanea e partecipando a prestigiose rassegne in Italia e all’estero riscuotendo importanti consensi dalla stampa specializzata  e dalla critica d’arte ufficiale. Questo eccezionale progetto multimediale, cui  partecipano numerosi altri  protagonisti del dibattito artistico attuale provenienti da ogni parte d’Italia  e  che comprende le performance di Kappa, Sarah Pini, Cristina Vighi, della musicista Gioia Fruttini e del videomaker Gianmarco Gaviali,   è accompagnato  da interventi critici di Stefania Carrozzini, Jacqueline Ceresoli, Gavina Ciusa, Matteo Galbiati, Maria Laura Gelmini, Lorella Giudici, Alberto Mattia Martini, Mimma Pasqua, Loredana Rea, Vanda Sabatino, Massimo Scaringella, Viviana Tessitore, Emma Zanella, Marisa Zattini,  trova ampia diffusione sul  sito web: www.camera312.it e sul catalogo specifico dell’evento. Durata dell’esposizione: 6 giugno – 21 novembre 2007- inaugurazione 10 giugno ore 11,00.

Adriana Sabato

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: