fbpx

San Nicola Arcella :: Importante riunione del prossimo Consiglio Comunale.

SAN NICOLA ARCELLA :: 11/10/2012 :: Il vice-sindaco Eugenio Madeo, delegato all’attuazione del programma amministrativo e responsabile delle entrate comunali aventi natura sia tributaria che patrimoniale, ha messo a punto una serie di proposte da portare all’attenzione del prossimo Consiglio Comunale. Con le proposte di deliberazione che porteremo nella prossima seduta di Consiglio Comunale – ha dichiarato lo stesso Madeo- saranno definiti tutti gli atti ed i provvedimenti consiliari necessari per avviare concretamente l’opera di risanamento economico e finanziario del Comune di San Nicola Arcella e per dare soluzione ad alcuni più urgenti problemi.

Tali proposte riguardano:
-le modifiche da apportare al regolamento comunale sul Sistema Idrico Integrato, relativamente al calcolo dei consumi delle utenze  condominiali;
-una integrazione alla delibera del C.C. n. 23 del 23/04/1999, per consentire agli stabilimenti balneari di potersi allacciare al sistema fognario che l’Amministrazione Comunale intende realizzare;
-un atto di indirizzo per promuovere la destagionalizzazione dell’utilizzo del demanio marittimo per finalità turistico-ricreative, così come previsto dall’art. 16 del PIR della Regione Calabria e dall’art. 3 delle norme di attuazione del  Piano Comunale di Spiaggia;
-il regolamento per l’esercizio del commercio su aree pubbliche, in particolar modo durante la stagione estiva, per favorire le attività produttive e combattere fenomeni di abusivismo (a tal proposito, con il Comune di Praia a Mare ed altri Comuni della zona, in attuazione dell’art.19 del  D.lgs n. 95/2012, con atto di convenzione, sarà realizzato l’esercizio associato del servizio di polizia locale);
-l’approvazione degli schemi di convenzione per l’attuazione dei piani di lottizzazione convenzionata, apportando alcune modifiche ed integrazioni alle delibere del C.C. n. 38 del 16/11/2011 e n. 20 del 15/05/2012.

Molte proposte sono state definite attraverso continui e frequenti contatti con la “Consulta dei turisti cittadini non residenti” il presidente D’Onofrio, il vice-presidente D’Elia, i componenti Titomanlio, Cacace, Renino, Bovienzo e Lanciano e messe a punto in riunioni di Giunta con il sindaco Barbara Mele, gli assessori Sangineto e Di Santo, i consiglieri delegati  al demanio marittimo Osso, alle attività produttive Laino e decoro urbano e viabilità Belmonte ed i responsabili delle strutture municipali.
Le entrate del Comune di San Nicola Arcella provengono ormai per il 100% dalla riscossione dei tributi locali. Occorre recuperare presto e bene i ritardi accumulati negli ultimi anni, evitando di scaricare sul contribuente le inefficienze amministrative.
Sono stati già approvati il regolamento generale sulle entrate sia tributarie che patrimoniali, il regolamento IMU con le determinazioni tariffarie, il regolamento sul Sistema Idrico Integrato per consentire al Comune, senza aggravio di costi, e con la collaborazione degli amministratori dei parchi condominiali  di effettuare direttamente le letture dei consumi idrici, a partire dal 2013.

Il progetto di equità fiscale può, con gli ultimi provvedimenti da approvare nel prossimo Consiglio Comunale, essere concretamente realizzato. Esso si basa sulla necessità di allargare la base imponibile, per evitare di richiedere uno sforzo sempre più pesante agli stessi contribuenti che si assumono l’onere di pagare nei termini quanto dovuto, e migliorare la conoscenza del territorio e del patrimonio immobiliare, realizzando una banca dati degli oggetti, quale indispensabile piattaforma informatica per il controllo e la gestione della nuova fiscalità immobiliare. Contemporaneamente si sta lavorando per ridurre il costo dei servizi, evitando tutti gli sprechi. I migliori servizi sono quelli che costano meno. Il risanamento del bilancio comunale è premessa fondamentale per migliorare la rete delle infrastrutture e l’offerta dei servizi pubblici locali.

Ai contribuenti proporremo un piano di rateizzazioni dei tributi dovuti per le annualità pregresse che, se non accettato dal contribuente, prima che arrivino gli avvisi di pagamento, così come previsto dal nostro regolamento generale sulle entrate tributarie, sarà possibile modificare concordandone uno diverso con l’ufficio tributi, attraverso la predisposizione di un piano di rateizzazioni, che potrà protrarsi fino a tre annualità. Assume molta importanza per San Nicola Arcella la proposta di approvazione degli schemi di convenzione per l’attuazione dei piani di lottizzazione convenzionata, con integrazioni e modifiche alle delibere del C.C. n. 38 del 16/11/2011 e n. 20 del 15/05/2012.

E’ stata la stessa Consulta dei “Cittadini non Residenti” che ha fatto pervenire all’Amministrazione Comunale alcune proposte di modifiche alle citate deliberazioni del Consiglio Comunale. Esse consistono sostanzialmente  nella richiesta di rateizzazione degli importi dovuti e nella possibilità di ridurre il prezzo al mq., nel caso in cui sulle aree da monetizzare non si realizzano volumi edilizi.

Le opere di urbanizzazione secondaria che si possono realizzare nei parchi condominiali, quali sale riunioni, info-point, attrezzature sociali, club house ecc … con annessa casa del custode, possono diventare spazi di aggregazione importanti per favorire processi di destagionalizzazione, sui quali l’Amministrazione Comunale punta moltissimo. Le convenzioni dei vecchi piani di lottizzazioni stabilivano ”per la quota parte di spese di urbanizzazione secondaria, l’obbligo della cessione gratuita al Comune delle aree destinate a tale scopo; in subordine il Comune avrebbe potuto chiedere, in luogo della cessione gratuita di dette aree, il versamento di una somma corrispondente al valore delle aree stesse”.

Le deliberazioni già approvate e la prossima proposta, che sarà portata all’attenzione del Consiglio Comunale, consentiranno la monetizzazione di dette aree e la realizzazione su di esse delle opere di urbanizzazione secondaria ritenute più opportune da parte delle amministrazioni che gestiscono i parchi condominiali. Su tali aree sarà possibile l’installazione di sistemi solari fotovoltaici del tipo “stand alone” (isolati), non connessi alla rete elettrica e pertanto senza cessione di energia prodotta in eccesso alla rete, e “grid connect” (connessi alla rete elettrica), con collegamento diretto alla rete elettrica e possibilità di scambiare energia.

Nel caso in cui si volesse procedere alla realizzazione di sistemi solari fotovoltaici, si dovrà  presentare al Comune un regolare progetto, per valutarne l’impatto ambientale, così come stabilito con delibera del Consiglio Comunale e qualora l’impianto proposto fosse del tipo “grid connect” (connesso alla rete elettrica), almeno il 10% dell’energia scambiata deve essere ceduta al Comune.

Sono già pervenute al Comune alcune richieste ed osservazioni nel merito. In alcuni casi abbiamo avuto la disponibilità alla monetizzazione, mentre in altri, pochi per la verità, si pensa di poter mantenere la proprietà dei terreni per sopravvenuti termini prescrizionali, che non esistono, o, peggio ancora, avendoci realizzato abusivamente delle strutture private. Queste aree, se non monetizzate, appartengono al Comune e nessuna prescrizione od opera abusiva potrà impedire alla Comunità Sannicolese di venirne in possesso.