Il portale dell'informazione calabrese.

Acquappesa :: Terme Luigiane: interrotta la trattativa per la restituzione dei beni.

33

ACQUAPPESA :: 21/01/2021 :: Interrotta la trattativa in corso per la definizione dell’iter di restituzione volontaria dei beni del compendio termale delle Terme Luigiane – Si è svolto oggi, 21 gennaio 2021, l’incontro fra i Sindaci dei Comuni di Acquappesa e Guardia Piemontese, e l’azienda S.A.TE.CA. S.p.a., gestore delle Terme Luigiane, programmato per concludere il concordato iter di restituzione volontaria dei beni del compendio termale e procedere alla definizione dell’accordo per il prosieguo dell’attività, di cui S.A.TE.CA., per evitare soluzioni di continuità e perdita di posti di lavoro, si sarebbe fatta carico fino all’effettivo subentro del nuovo soggetto gestore.

I Sindaci, però, mutando la linea di ragionevolezza sin qui tenuta, ed espressa ripetutamente nei precedenti accordi siglati dinanzi al Prefetto di Cosenza–secondo cui la gestione temporanea chiesta a S.A.TE.CA. avrebbe dovuto proseguire fino alla definitiva conclusione della procedura di selezione e subentro del nuovo soggetto gestore– avrebbero voluto imporre una data ultimativa dell’accordo con S.A.TE.CA., indipendente da tale effettivo subentro.

Tale data è stata indicata dai Sindaci, inderogabilmente, nel giorno 30 novembre 2021.

Ad una simile pretesa, S.A.TE.CA. non ha potuto aderire, rilevando che, con una tale formulazione, qualora alla scadenza del 30 novembre 2021 non dovesse essersi conclusa l’articolata procedura di individuazione e subentro del nuovo gestore, l’attività termale si interromperebbe automaticamente, con gravissime ripercussioni sulla certezza dei posti di lavoro e con drammatici effetti sulla sopravvivenza stessa dell’azienda e dell’indotto di tutto il territorio.

Stando così le cose, infatti, già oggi S.A.TE.CA. dovrà rinunciare a siglare importanti accordi con diversi tour operator e bloccare la programmazione della stagione 2021.

Al contrario, mantenendo la formulazione in precedenza condivisa tra i Comuni e S.ATE.CA. nell’ambito degli accordi siglati in Prefettura – ordinariamente utilizzata in qualunque cambio di gestione di servizi in concessione, appunto per evitare soluzioni di continuità e garantire i livelli occupazionali – si sarebbe potuto assicurare il servizio termale, garantendo e rispettando i diritti e gli interessi di tutte le parti in causa, in primo luogo i lavoratori.

La S.A.TE.CA. manterrà comunque fede all’impegno di restituzione volontariamente assunto, riconsegnando anche lo stabilimento San Francesco.

A questo punto, l’azienda, prendendo atto della irragionevole ed irremovibile pretesa dei Sindaci dei Comuni di Acquappesa e Guardia Piemontese, i quali dovranno assumersi la responsabilità dei gravissimi pregiudizi che ciò comporta in termini sociali ed economici, non può che auspicare l’immediato intervento del soggetto titolare delle acque termali, la Regione Calabria, sinora apparsa silente ed indifferente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: