Il portale dell'informazione calabrese.

Castelsilano :: Protezione civile e non vedenti, successo a Castelsilano per il progetto “Noi lo facciamo. E Tu?”.

372

CASTELSILANO :: 08/08/2016 :: Si è conclusa a Castelsilano, piccolo borgo di montagna, nel crotonese, la seconda edizione del progetto “Noi lo facciamo! E tu?” promosso dall’Irifor e dall’Unione Ciechi di Cosenza, con il supporto della Protezione Civile Regionale e di numerose associazioni di volontariato. Per due settimane i 35 partecipanti, ragazzi e ragazze non vedenti o ipovedenti, accompagnati dalle loro famiglie, sono stati impegnati in corsi di sopravvidenza, sport estremi, corsi di primo soccorso. “Per la prima volta – ha sottolineato il Presidente dell’ Unione Ciechi di Cosenza, Giuseppe Bilotti – stiamo cercando di creare un modulo tecnico di allestimento di protezione civile che sia accessibile a tutti. Con il Dipartimento Regionale di Protezione Civile, guidato dal dott. Carlo Tansi,  realizzeremo un manuale che sarà poi divulgato in tutta Italia. Uno studio che mira a garantire alle persone che hanno disabilita’, come ciechi e ipovedenti, l’accessibilità e la mobilita’ in piena autonomia”.

L’intera collettivita’ di Castelsilano è stata coinvolta nell’iniziativa. Il Comune ha messo a disposizione  alcuni fabbricati per ospitare i partecipanti, mentre 47 abitanti del piccolo borgo montano si sono avvicinati al progetto per fare volontariato. Giovani che hanno partecipato in modo attivo a tutti i corsi che sono stati attivati, come il BLSD formato dal Gruppo Salvamento Academy di Roma  per conoscere le tecniche di rianimazione e l’utilizzo del defibrillatore automatico. “Una bella iniziativa – ha commentato il sindaco di Castelsilano Francesco Durante – che ha permesso all’intera popolazione di conoscere da vicino le tecniche di primo soccorso.

Siamo contenti per la grande attenzione dimostrata dai nostri ragazzi”. Il campo è stato predisposto in un’area di 4000 mq con il posizionamento  di tende da 8 posti letto, un’infermeria, servizi igienici, un tendone di circa 300 posti, una cucina da campo e tanti mezzi per il soccorso. All’iniziativa hanno aderito, oltre alla Protezione Civile Regionale e al Gruppo Salvamento Academy, anche l’AVAS, la SAM, l’Arcacalabria e altre associazioni di protezione civile. Una grande sinergia per  trasmettere un messaggio importante: soltanto con la formazione dei cittadini e con la prevenzione si puo’ stare un po’ piu’ tranquilli in caso di calamità naturali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: