Il portale dell'informazione calabrese.

Acquappesa :: Apre oggi la trentanovesima edizione del corso sulle “Tecniche per la Difesa del Suolo e dall’Inquinamento”.

412

ACQUAPPESA :: 20/06/2018 :: Si apre oggi, presso la sala congressi delle Terme Luigiane, la trentanovesima edizione del corso sulle “Tecniche per la Difesa del Suolo e dall’Inquinamento”, organizzato dal Centro Studi Acquedotti e Fognature, dalla sezione calabrese dell’Associazione Idrotecnica Italiana, dai Dipartimenti di Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, Ingegneria Chimica ed Ingegneria Civile dell’Università della Calabria.

Il Corso, che si chiuderà sabato 23 giugno, comprende quattro cicli di seminari per un totale di cinquanta relazioni su temi che riguardano: la difesa del suolo, il territorio e l’ambiente; gli acquedotti e le fognature; l’idrologia e le costruzioni idrauliche; l’ingegneria sanitaria e ambientale; la protezione idraulica del territorio; le costruzioni marittime. Relazioneranno docenti universitari provenienti dalle Università di: Politecnico di Milano, Salerno, Firenze, Pavia, Reggio Calabria, Napoli “Federico II”, Cassino, Sannio, Politecnico delle Marche, Università della Calabria, Politecnico di Bari, Modena, Reggio Emilia, Perugia, Palermo, Genova, Messina, Parma, “Sapiena” di Roma, BasilIcata, Politecnico di Torino, Politecnico delle Marche. Inteerverranno, inoltre, ricercatori del CNR, della Xylem, del Centro Euro – Mediterraneo sui cambiamenti climatici.

Per quattro giorni le Terme Luigiane saranno meta di vari studiosi della materia provenienti da ogni parte d’Italia, così come è avvenuto nelle precedenti edizioni da oltre trent’anni essendosi svolte le prime edizioni nella sede dell’Università della Calabria e a Camigliatello Silano. Il corso, come noto, è aperto ad ingegneri e geologi appartenenti ai relativi Ordini Professionali, in quanto da luogo all’acquisizione di crediti formativi secondo lo spirito della legge, come a studenti dell’Università della Calabria iscritti al Corso di laurea Magistrale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, come agli studenti della Scuola di dottorato SIACE dell’Università della Calabria, il cui ciclo di seminari ha valore di Summer School.

I lavori si apriranno domani, mercoledì 20 giugno, alle ore 9,00, con la prima sessione dedicata alla difesa del suolo, del territorio e dell’ambiente con relazioni i cui argomenti sono di interesse immediato, sociale e culturale, dati gli eventi proprio di questi giorni, a cominciare dalla conoscenza di un decalogo per come affrontare il rischio alluvionale, il ruolo della geotecnica nell’analisi e gestione delle frane, resilienza degli interventi nei confronti di scenari di cambiamento climatico, il ripristino della naturalità dei corsi d’acqua regolarizzati.

Particolarmente interessante sarà la relazione del prof. Francesco Russo, dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria e vice Presidente della Giunta Regionale della Calabria, che in apertura della sessione pomeridiana dei lavori, attorno alle ore 15,30, terrà un intervento, condiviso insieme al prof. G. Chilà, della stessa Università, sul tema: “Evacuazione di sistemi urbani in condizioni di emergenza”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: