Il portale dell'informazione

Catanzaro :: Lavoro sommerso, la Calabria è la prima in classifica tra le regioni.

67

CATANZARO :: 03/10/2019 :: C’è la Calabria, seguita da Campania e Sicilia, al top del sommerso in Italia, con un terzo dell’economia ‘in nero’ prodotta dal Mezzogiorno in cui prevale la componente del lavoro irregolare. Ma il peso delle sotto-dichiarazioni fa sì che Lombardia, Lazio e Campania, con economie più pesanti, contribuiscano per più di un terzo al sommerso complessivo dell’Italia.

E’ quanto emerge dalla relazione sull’evasione fiscale e contributiva allegata alla Nadef. Le stime sono di un’incidenza del sommerso, in percentuale del valore aggiunto, pari a 20,9 per la Calabria, 20 per la Campania, 19,2 per la Sicilia, 19 per il Mezzogiorno, con componente principale del sommerso data dal lavoro in nero, rispetto a una media italiana del sommerso al 13,8%.

Il Lazio si situa al 13,13, con una prevalenza di sotto-dichiarazioni, mentre le aree più virtuose, sotto la media nazionale, sono le province autonome di Bolzano e Trento, il Nordovest, il Nordest.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: