Il portale dell'informazione calabrese.

Praia a Mare (Cs) :: Il Mirto dell’isola piace all’ Assessore Pirillo.

247

PRAIA A MARE :: 20/05/2008 :: Convegno ricco di spunti e carico d’interessi quello che si è tenuto martedì sera presso l’Hotel Calabria di Praia a Mare. Al tavolo degli invitati erano presenti l'assessore regionale Mario Pirillo e l'assessore provinciale Rachele Grosso Ciponte, nonché l’assessore al commercio del comune di Praia a Mare, Simone Cazzolato ed il sindaco Carlo Lomonaco. I temi trattati sono stati quelli inerenti lo sviluppo rurale e le prospettive turistiche della cittadina tirrenica.

L’onorevole Pirillo ha subito incentrato la questione sulla cooperazione “sul bisogno impellente di costruire un gruppo di azione locale, in cui l’associazionismo dev’essere la parola d’ordine”. L’onorevole ha voluto anche elogiare la buona iniziativa, spiegata nei dettagli dall’intervento del presidente della Pro Loco di Praia a Mare Francesco Di Giorno, del Mirto dell’Isola Dino, il liquore prodotto con le bacche di mirto raccolte sull’isola praiesi, che sta  sviluppando progetti che non si limitano al solo liquore ma che spaziano dalla profumeria alla pasticceria fino ad arrivare al campo medico. L’Onorevole si è dimostrato subito pronto nel poter lavorare affinché “questo riceva l’I. G. P. “, ossia, il marchio di origine che viene attribuito a quei prodotti agricoli e alimentari per i quali una determinata qualità, la reputazione o un'altra caratteristica dipende dall'origine geografica, e la cui produzione, trasformazione o elaborazione avviene in un’area geografica determinata. Secondo Pirillo, la Calabria “ce la può fare grazie allo sfruttamento del suo patrimonio. Non possiamo sperare né nel governo attuale, né tantomeno abbiamo potuto sperare nel precedente, dobbiamo puntare sui fondi comunitari. Inoltre – ha concluso Pirillo – voglio riscattare questa zona che per troppo tempo è stata abbandonata a se stessa”. Anche l’assessore Cazzolato ha puntato nel suo discorso sul bisogno di coadiuvare sviluppo rurale e turistico, uniche due fonti di reddito e progresso dopo la chiusura delle fabbriche locali, marcando anche in maniera indelebile le gravi condizioni economiche – sociali della cittadina alto – tirrenica che vede sempre più “uno sviluppo decrescente del lavoro”. Come detto c’è stato spazio anche per altro. Pirillo, infatti, non ha avuto paura nel lanciare qualche perplessità sul nuovo Partito Democratico che in poco tempo ha perso l’Italia e Roma, anche in Calabria questo non nasce sotto i migliori auspici a causa di una sorta di autolesionismo che preoccupa e non poco lo stesso onorevole. A concludere la seduta è stato l’intervento dell’assessore provinciale Ciponte che ha comunque incentrato il suo discorso su quanto delineato da Pirillo, vedendosi anch’essa favorevole alla promozione del Mirto dell’Isola di Dino che in maniera inaspettata e piacevole è diventato il punto di riferimento della serata. Non va anche dimenticata la presenza tra il pubblico del sindaco di Tortora Giuseppe Silvestri e del sindaco di San Nicola Arcella, Domenico Donadio anche loro concordi sullo sviluppo del discorso Mirto dell’isola di Dino come azione promozionale dell’intero comprensorio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: