Il portale dell'informazione

Scalea :: La stagione turistica volge al termine ma il territorio conta già le ferite.

168

SCALEA :: 28/08/2019 :: L’Alto Tirreno cosentino, per le sue bellezze paesaggistiche, continua ad essere meta di turismo che anima l’economia locale ed è anche il territorio in cui è evidente lo sforzo di molti amministratori per affrontare al meglio la stagione.

Puntuale però, ogni anno, in una manciata di settimane, si consuma un’intera stagione che lascia sul campo profitti per pochi, magre occasioni di lavoro per molti e tante ferite al decoro della costa: strade, spiagge, pinete, sponde dei fiumi sono lo sfogo di un’inciviltà crescente che mette a dura prova la più efficace organizzazione pubblica. Un segno grave dei tempi contro cui occorre attrezzarsi meglio affinché il territorio non diventi il bersaglio della minoranza di orde di incivili che pensano di oltraggiarlo impunemente.

E poi, restano anche altre le ferite, quelle al sangue, quelle d’accoltellamento.

Per Mimma Iannello, responsabile CGIL del Tirreno:

“La cronaca locale ci racconta sempre più spesso di risse di villeggianti che sfociano in accoltellamenti. Sono certo episodi occasionali ma è altrettanto vero che hanno assunto una frequenza preoccupante che turba i residenti ed i tanti villeggianti che hanno scelta il territorio quale meta per trascorrere tranquille vacanze. Sono perciò episodi che non vanno sottovalutati e che sollecitano le amministrazioni locali a lavorare ancora sodo per migliorare e vigilare sulla qualità di un turismo che, per le sue caratteristiche, travolge e sconvolge in poche settimane molto di ciò che incrocia. In particolare, laddove non si pongono i giusti argini in termini di rispetto della legalità, del vivere civile, di vincoli dei servizi e dei controlli.

Difficile invertire la rotta. Decenni di scempio urbanistico hanno segnato i tratti del turismo locale dove nel caos estivo si mimetizza di tutto ma si fa ancora poco per controllare i flussi turisti, come ad esempio, per prevenire i rischi delle presenze incontrollate che passano dalle migliaia di seconde case che vengono fittate alla qualunque e che, diversamente, pongono precisi obblighi di legge in termini fiscali e di sicurezza che vengono elusi da proprietari, agenzie e condomini.

E’ chiaro che una rissa può scaturire in qualsiasi contesto, ma il monitoraggio e la segnalazione delle presenze alle autorità preposte sarebbe un buon deterrente per scoraggiare presenze incomode.

E’ altrettanto evidente la necessità che l’intera costa, ancor più nei mesi estivi, disponga di presidi di legalità dotati di mezzi e organici sufficienti a fronteggiare i rischi per l’ordine pubblico che derivano dal moltiplicarsi esponenziale di presenze sul territorio. Ancor più, in una zona dove le storie di cronaca racconta di frequentazioni, intrecci e interessi che hanno poco a che fare con il sole e il mare.”

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: