Il portale dell'informazione calabrese.

Tortora :: Fiume Noce: i sindaci di Tortora e Maratea si oppongono alle centraline idroelettriche.

91

TORTORA :: 22/11/2020 :: “Regione Basilicata e Calabria e tutte le Autorità coinvolte nelle autorizzazioni concesse al privato, facciano chiarezza su queste progettualità che ricadono sul nostro territorio. Temiamo per l’ecosistema e per l’economia dei nostri luoghi”. È quanto dichiarano i sindaci di Tortora, Antonio Iorio e di Maratea, Daniele Stoppelli  dopo l’incontro che si è tenuto questa mattina nella città del Cristo per discutere dei lavori per la  realizzazione della centralina idroelettrica sul fiume Noce in località Saponara del comune di Trecchina. I due sindaci chiedono agli Enti competenti quali valutazioni abbiano portato a concedere la realizzazione di tale impianto.  “Questi lavori si aggiungono a progetti già completati ed altri in programma.  Sono opere che seppur producano energia pulita dall’altro provocano danni inquantificabili  al territorio, tra i tanti: la compromissione dell’ecosistema fluviale ed il mancato ripascimento delle zone costiere, per questo motivo  – ribadiscono Iorio e Stoppelli – occorre salvare la vita del Noce e del mare, questi impianti infatti sono un limite al ripascimento delle coste al quale si lavora ormai da tanto tempo nei nostri comuni.  La situazione è contradditoria  – spiegano gli amministratori – perché se da un lato presentiamo, agli stessi Enti, dei progetti contro l’erosione costiera che dovranno tutelarci dagli effetti dirompenti dei marosi e salvaguardare le abitazioni e la nostra economia turistica,  dall’altro, le stesse Regioni concedono dei pareri per la costruzione di centraline con le quali si realizzano delle briglie che rallentano o bloccano l’apporto del materiale inerte che dovrebbe favorire il ripascimento naturale. Dunque sono tanti gli effetti negativi che questi interventi progettati sul fiume produrrebbero e producono lungo la costa di Tortora, Maratea, Praia a Mare  e sull’intera Valle del Noce. Faremo di tutto – dicono i sindaci – per bloccare questa emergenza ambientale e –  spiega Iorio – seppur la mia Amministrazione si sia insediata solo il settembre scorso ci impegneremo insieme al sindaco Stoppelli per tutelare il territorio nostrano chiedendo alle Associazioni ambientaliste, ai nostri consigli comunali e agli altri comuni della Valle del Noce di stare al nostro fianco, sono troppe le criticità prodotte da queste strutture”.Infine proseguono i sindaci di Maratea e Tortora – chiederemo – agli Enti sovracomunali di conoscere le loro valutazioni sugli impatti che tali opere avranno sull’ecosistema del Noce e chiederemo conto agli stessi se tali interventi possano pregiudicare le progettazioni di ripascimento alle quali le nostre  Amministrazioni  stanno lavorando per salvaguardia del nostro litorale e la valorizzazione dei nostri luoghi”.

Amministrazione comunale di Tortora: sindaco Antonio Iorio.

Amministrazione comunale di Maratea: sindaco Daniele Stoppelli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: