Il portale dell'informazione.

Cetraro (Cs) I giovani del Pd, pronti alle primarie.

323
CETRARO :: 05/10/2008 :: Il 09/10/2008 presenteremo le candidate all'assamblea nazionale. All'iniziativa parteciperanno: Presiede Giuseppe Maritato-coordinatore pd giovani di cetraro;coordina i lavori Battista Maulicino del forum tematico rinascita dei territori del tirreno;l'O.le Minniti-segretario regionale pd calabria; l'On.le laratta -Deputato nazionale; l'On.le Adamo Capogruppo pd regione Calabria; il Dott. Sergio Genco-Segretario generale cgil calabria, Nataly Silvestri-coordinamento pd giovani Tirreno; Puglise Francesca- presidente pd Giovani cetraro; conclude l'On.le Pina Picierno-Ministro Ombra politiche giovanili pd.

Il coordinatore del pd giovani di cetraro  Giuseppe Maritato afferma che: il fine più chiaro è di inserirci nella vita politica del nostro paese, di migliorarvi i costumi e le idee, intendendone i segreti: ma non pensiamo di raggiungerlo con un' opera di pedagogisti e di predicatori: la nostra capacità di educare si esperimenta realisticamente in noi stessi; educando noi, avremo educato gli altri. Pensare l' Europa, modernizzare l'Italia, vivere il mondo Per un nuovo "umanesimo" Europeo. Maritato inoltre sostiene che: il sistema economico e ambientale del pianeta è da decenni caratterizzato da continui e repentini processi di trasformazione. La frattura dell'alleanza tra Stato Mercato e Democrazia – e quindi tra politica ed economia – che aveva caratterizzato il progetto di prima modernità, pone allo schieramento riformista del XXI secolo nuove domande di libertà e di giustizia sociale. Un inedito ordine del mondo che necessita di più politica e che, invece, registra la sempre maggiore difficoltà da parte di essa di porsi all'altezza del livello attuale dello sviluppo delle forze produttive, della circolazione e dei consumi ovvero, la sempre maggiore distanza progettuale fra una economia cosmopolita e globale e una politica nazionale (o peggio) regionale, micro-territoriale e localistica.  Le nuove generazioni hanno il dovere di puntare sulla dimensione ambientale come volano di sviluppo per fare delle caratteristiche naturali di un paese, della bellezza dei territori, della qualità nel settore agroalimentare, delle aree protette un punto di forza della sua economia. Investire risorse nell'ambiente significa credere nell'innovazione, dare attuazione a nuove tecnologie a sempre minor impatto, diffondere un'idea di progresso che possa vedere attori tutte le parti sociali e i cittadini di ogni livello socio-economico e culturale.

Alle dinamiche "strutturali" si aggiunge un processo imponente di mutazione globale delle identità e delle culture. I singoli individui e le comunità sono infatti oggi immersi in un flusso comunicativo continuo, in cui si muovono costantemente come "attori" passivi e attivi di un complesso sistema mediatico, veicolo delle visioni del mondo e talvolta di bisogni indotti, che ha marginalizzato i tradizionali vettori di conoscenza e formazione di "senso comune": i giornali, i libri, ma addirittura anche l'educazione familiare, sociale e scolastica. Nella cosiddetta "società dello spettacolo" la maggior parte di noi è esposto a continue sollecitazioni fin dalla più giovane età, quando ancora i personali strumenti cognitivi e interpretativi sono in via di costruzione, ponendo inediti compiti per la famiglia, per le tradizionali politiche scolastiche, e per nuove politiche di formazione lungo tutto l'arco della vita a contrasto dell'analfabetismo recidivo e di ritorno.

Per una nuova e diversa idea della modernizzazione nazionale

I problemi dei giovani italiani,calabresi e cetraresi sono quelli di un intero paese che deve imparare a tornare a guardare con maggiore fiducia al futuro. Le incognite con le quali essi si confrontano, sono quelle della transizione a una prospettiva di sviluppo fondata sul principio di qualità e di apertura, che possa coniugare maggiori possibilità di mobilità con un'ampia gamma di opportunità e di tutela e renda possibile l'avvio e il perseguimento, per ciascuno, di un autonomo cammino familiare e professionale. La questione generazionale in Italia non può esser
e declinata solo su basi vertenziali. Essa è, infatti, oggi più che mai questione che riguarda la sostenibilità di un equilibrio politico, economico, sociale. La democrazia italiana, sbocciata dalle macerie della dittatura fascista, si avviò dal primo dopoguerra e per oltre un quarto di secolo, su di un sentiero di sviluppo sostenuto, recuperando in poco tempo una parte importante del ritardo che la divideva dai paesi con più elevati livelli di benessere economico. Lo sviluppo, pur connotato da tensioni sociali e conflitti distributivi, beneficiò di diversi fattori, endogeni ed esogeni, che consentirono di conseguire fortissimi guadagni in termini di produttività del sistema economico e di conseguenza, un innalzamento complessivo della qualità della vita e della diffusione della ricchezza.

L'Italia,la Calabria, cetraro sono paesi che complessivamente generano e producono poca innovazione; ma l'innovazione è stimolata ed alimentata da un'organizzazione sociale ad essa preesistente. Il livello d'istruzione, la facilità di circolazione delle conoscenze, una fiscalità di favore per gli investimenti innovativi, una politica scolastica attenta ai talenti, una meritocrazia diffusa e riconosciuta, una maggiore libertà nelle relazioni interpersonali, un welfare che offra protezione "nel lavoro" e non solo "del posto" di lavoro, sono le condizioni preliminari perché una società generi e ne alimenti la fiamma.

Nessun disegno generazionale di rilancio può affermarsi senza una riconduzione su valori accettabili e sostenibili della dinamica del debito pubblico. La necessaria compressione delle spese di funzionamento dell'amministrazione di Stato ed enti locali – per essere virtuosa e non esclusivamente "punitiva" – dovrà fondarsi su nuovi e più stringenti criteri di valutazione dei risultati. Un rovesciamento della piramide degli incentivi che introduca reali meccanismi di premialità, per la burocrazia come per le università, gli enti di ricerca, le articolazioni periferiche dello stato, persino le regioni e gli enti locali, contribuirebbe ad un tempo a ridurre i costi e a potenziare l'efficienza complessiva delle pubbliche amministrazioni. È accanto a queste priorità riassumibili nel polinomio istruzione della popolazione – innovazione delle produzioni e dei processi produttivi – risanamento economico, che altre due esigenze per la piena soddisfazione di un disegno "generazionale" del rilancio del paese prendono corpo: la riorganizzazione del sistema previdenziale e la riduzione della precarietà nel mercato del lavoro. Il precariato generalizzato e diffuso è un inaccettabile svilimento della dignità delle persone e del lavoro, che riparato dietro l'illusorio usbergo della riduzione dei costi mortifica le professionalità, le aspirazioni personali e quelle individuali. Sostenere la bandiera della "civiltà del lavoro", significa costruire strumenti adeguati a proteggere il lavoratore nel suo percorso professionale, che seppure frammentato e rivoluzionato dai nuovi cicli di produzione, non può restare senza protezione in balia delle sole nude regole del mercato. A pagare il prezzo più alto anche in questo caso sono le giovani generazioni. Esse, in particolare la componente femminile, appaiono nel mercato del lavoro italiano tanti piccoli giunchi esposti ad un monsone. La riduzione della segmentazione del mercato, stabilendo regole più uniformi e in base alle quali il rapporto di lavoro acquisisca stabilità col passare del tempo, è richiesto da motivi di equità in via primaria, ma è anche sorretto da solide ragioni di efficienza. La battaglia per un lavoro sicuro, dignitoso, commisurato alle professionalità e alle competenze di tutti e di ciascuno è il primo dei diritti di cittadinanza cui aspirare, terreno essenziale per lo sviluppo della creatività e della personalità. Una battaglia che una nuova generazione di democratiche e democratici dovrà intestarsi con determinazione e passione. Il coordinatore dei giovani democratici Maritato mette in evidenza le forze dei giovani, e crede che: una forza giovanile e progressista che guarda al futuro ha come obiettivo primario l'ampliamento di diritti, libertà e garanzie per la persona – il singolo come soggetto portatore di diritti -, valvola di conquiste sociali e collettive. La persona umana va tutelata, nella sua integrità, indipendentemente dal suo essere cittadino, ma anzi con l'obiettivo di una nuova inclusività che sia slegata da nascita, sangue, cultura, cittadinanza. Una forma di individualismo generoso che concepisce la società come luogo degli individui, con un'inversione del percorso tradizionale che conduceva dalla comunità al singolo.

Oggi, a partire da una prospettiva generazionale, possiamo essere noi il pezzo di società italiana che più convintamene fa vivere e da corpo al progetto politico di aggregare i giovani italiani attorno al simbolo e ai valori del Partito Democratico.

Per questo, noi, giovani democratiche e democratici, cittadini italiani o giovani immigrati, donne e uomini dell'Italia di domani, diamo vita alla più grande organizzazione politica giovanile italiana.
Una grande organizzazione moderna, che sia il sogno e l'approdo che migliaia di ragazzi e ragazze perseguono da tempo. Una generazione che oltre a sentirsi italiana si sente pienamente e consapevolmente europea e che in Europa trova il luogo naturale in cui manifestare la sua vitalità e il suo protagonismo; una generazione che vive la mobilità come condizione permanente della propria esistenza che declina i valori europei come consituency di una nuova identità generazionale e collettiva. Un nuovo grande soggetto "generazionale" dove la laicità possa essere la grammatica comune delle forze costituenti, trasformare i sogni in realtà. La storia d'Italia è stata la storia dei giovani italiani.

Oggi noi seminiamo . Oggi noi sfidiamo i ragazzi e le ragazze che vivono il presente ad essere all'altezza del passato per costruire un grande futuro. Facendo incontrare cuore e mente, idee e progetti, passione e realtà. Chiediamo alla nuove generazioni che abitano il presente di mettersi in gioco, di essere generazione di governo, di scrivere un pezzo importante di storia della nostra comunità, di rifiutare il nulla, il poco e il menopeggio. Di scegliere il coraggio, la partecipazione, il confronto. Di essere, insieme a noi, coloro che cambiano l'Italia. Di essere insieme a noi, Generazione Democratica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: