Il portale dell'informazione calabrese.

Diamante (Cs) :: La Riviera a teatro: si parte stasera col Ballet de Cuba.

293

DIAMANTE :: 30/01/2008 :: I ritmi afro-cubani e i variopinti costumi del Ballet de Cuba proveranno a riscaldare la fredda serata di oggi, indicata come la più fredda dell’inverno. La data coincide anche con l’inizio del Carnevale, quindi, quale scelta migliore poteva essere fatta per l’avvio del variegato cartellone frutto del sodalizio fra il Comune di Diamante ed il Consorzio dei Teatri Calabresi Associati.

Lo spettacolo, interpretato da una straordinaria compagnia formata da ballerini e musicisti cubani con pluriennale esperienza internazionale, provenienti dalla Escuela Nacional de Arte de la Habana, da Conjunto Folklorico Nacional, dalla Escuela de Danza Nacional, racconta la storia della musica cubana, dalle sue origini più antiche, che hanno contribuito alla formazione della cultura cubana, ai ritmi popolari dei giorni nostri. La magia e la sensualità di Cuba sono infatti ricreate attraverso una fusione di differenti tipi di danze, presentando un ampio repertorio di coreografie curate da Nilda Guerra su musiche di Rolando Ferrer. La prima parte dello spettacolo  ripercorre nel linguaggio della danza il lungo viaggio attraverso la storia della cultura cubana, che affonda le sue radici nell’Africa nera e nella Spagna colonialista. Dal XVI al XIX secolo milioni di schiavi africani di diverse etnie, furono deportati a Cuba, dove s’insediarono nella nuova terra, portandovi la loro cultura, tradizioni, musiche e danze. Gli strumenti utilizzati sono tamburi e percussioni chiamati Batà dotati di valenza sacra, in quanto il suono “mette in contatto con Dio”. La seconda parte dello spettacolo, ripercorre musiche e danze popolarissime, ballate in tutto il mondo. Esse sono la manifestazione della libertà d’espressione seguita all'abolizione della schiavitù, cosicché musica e danza si svilupparono in accordo alle necessità dei ballerini che nei loro canti trovarono così un nuovo modo di raccontare la propria vita quotidiana. La campagna abbonamenti seguita al serrato battage pubblicitario avviato dopo la presentazione del cartellone dovrebbe attestarsi a quota trecentocinquanta dei seicentotrenta disponibili. I posti residui sono stati assegnati quasi tutti in prevendita, salvo ovviamente una quota di riserva per gli acquisti dell’ultima ora. Come sempre ha risposto bene tutta la Riviera dei Cedri, con capofila Praia a Mare. I centralini del Cine-teatro Vittoria sono stati roventi nelle ultime due settimane, ma la preziosa oltre che consueta collaborazione del “Grilloparlante”, ha consentito di rispondere a tutte le pressanti richieste. 

Giovanni Amoroso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: