Il portale dell'informazione.

Isola Capo Rizzuto (Kr) :: 40 studiosi calabresi, prendono parte alla Cattedra Rosmini.

269

ISOLA CAO RIZZUTO :: 09/04/2008 :: Ieri mattina alla presenza dell’arcivescovo Monsignor Domenico Graziani, ha preso il via presso il Centro culturale e di spiritualità di Capo Rizzuto, la “Cattedra Rosmini”. Il corso che ha come tematica “L’urgenza di un rinnovamento della filosofia”, fino al prossimo venerdì vedrà impegnati 40 studenti, professionisti e cultori della materia provenienti da tutta la Calabria, in una serie di lezioni full immersion, dedicate all’approfondimento degli studi del teologo e filosofo Antonio Rosmini.

In particolare l’aspetto che più di tutti verrà preso in esame, è la propensione dello studioso a manifestare nei suoi scritti, grande preoccupazione per la situazione sociale e politica. Una preoccupazione attuale “che – come ha spiegato don Edoardo Scordio in qualità di direttore del Centro – si riflette ancora oggi e specialmente in questo periodo sul nostro territorio. I fatti drammatici di questi ultimi giorni – ha evidenziato – non possono e non devono lasciarci tranquilli. Ci rendiamo conto tuttavia che occorre un lavoro, forse nascosto, ma efficace nel tempo di semina culturale per dare risposte durature. Alla radice del malessere culturale c’è ben altro: non è tanto il comportamento sociale che va analizzato, ma qualcosa di più profondo, vale a dire il modo di pensare, la mentalità. E la mentalità si può affrontare solo con una sana filosofia, la filosofia come scienza delle ragioni ultime”. Un impegno quindi non solo culturale, ma soprattutto di riflessione e dibattito per cogliere attraverso le istanze di Rosmini, la contemporaneità del suo pensiero, “analizzandolo – come ha sottolineato don Edoardo – alla luce di un dialogo critico e costruttivo con la modernità”. A portare il suo saluto, l’arcivescovo Graziani che in particolare ha plaudito all’iniziativa culturale sottolineando che i frutti dell’impegno sono stati ripagati anche dal riconoscimento di due crediti formativi da parte dell’Unical, grazie all’interessamento del direttore del dipartimento di filosofia dell’Unical Mario Alcaro e del cultore di storia delle dottrine politiche presso lo stesso dipartimento, Luigi Rocca. Ieri hanno tenuto le prime lezione don Tonino Staglianò che ha relazionato su “L’impegno per la ragione, responsabilità della fede” e il professore Michele Dossi su “Rosmini tra modernità e universalità”, che oggi concluderà la seconda parte del suo intervento. Nei prossimi giorni invece si alterneranno il professore Silvio Spiri “Introduzione alla filosofia” e don Giuseppe Lorizio “Nuovo saggio sull’origine delle idee”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: