Il portale dell'informazione

Paola :: Atti persecutori e lesioni aggravate, Carabinieri arrestano un 19enne originario del Bangladesh.

0 35

PAOLA :: 27/12/2018 :: I Carabinieri della Compagnia di Paola hanno arrestato un 19enne originario del Bangladesh, resosi responsabile dei reati di atti persecutori e lesione personale aggaravata, il tutto in danno di un suo connazionale. Entrambi erano ospiti dello stesso centro di accoglienza straordinaria localizzato sulla costa tirrenico cosentina.

L’arresto è avvenuto in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, a carico del 19enne, dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Paola, su richiesta della locale Procura della Repubblica, coordinata dal Procuratore Pierpaolo BRUNI.

I Carabinieri della Compagnia di Paola, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, a carico di un 19enne originario del Bangladesh, dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Paola, su richiesta della locale Procura della Repubblica, coordinata dal Procuratore Pierpaolo BRUNI. Il giovane, ospite di un centro di accoglienza straordinaria della costa tirrenico cosentina, è accusato dei reati di atti persecutori e lesione personale aggaravata, nei confronti di un suo connazionale, anch’egli dimorante presso la medesima struttura. Le condotte di stalking si sarebbero concretizzate in percosse e minacce di morte.

Al culmine dell’ennesima aggressione, risalente al mese di novembre 2018, l’arrestato, utilizzando un martello, non avrebbe esitato a colpire alla testa la persona offesa, per poi scagliargli addosso un mattone. La vittima, dopo essersi accasciata al suolo, veniva soccorsa da alcuni passanti. In quella circostanza, i Carabinieri della Stazione di Amantea, intervenuti immediatamente sul posto, sono riusciti ad individuare un sistema di videosorveglianza la visione delle cui immagini ha cristallizzato il momento in cui il 19enne, tenendo ancora in mano il martello utilizzato poco prima, tentava di darsi alla fuga.

L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso il carcere di Paola, a disposizione dell’A.G. delegante.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: