Il portale dell'informazione

Rende :: Università: passo in avanti nell’internazionalizzazione con la Cina.

Il rettore Leone firma un nuovo accordo di collaborazione.

77

RENDE :: 29/11/2019 :: L’università della Calabria allarga sempre più i confini internazionali, seguendo il programma di governance del rettore Nicola Leone, che guarda con particolare interesse alla Cina. Questa mattina, infatti, è stato sottoscritto un accordo quadro per la promozione di reciproci scambi nel campo della ricerca e della didattica con l’università Nanjing Tech University (Ntu) di Nanchino, città della Cina orientale con oltre 10 milioni di abitanti. La Ntu è una delle università tecnologiche più importanti della Cina, fondata nel 1902, con sede nella famosa città di Nanchino, che fu residenza di sei dinastie di imperatori cinesi.

La firma è avvenuta in occasione della visita di una delegazione dell’ateneo cinese composta dal rettore, professor Qiao Xu, e da altri 5 delegati (tra cui i direttori del college di ingegneria chimica e della Scuola di chimica e ingegneria molecolare) che hanno visitato l’Unical accompagnati dal professor Enrico Drioli, professore emerito dell’Unical in tecnologie chimiche e “distinguished professor” proprio presso la Ntu.

La delegazione cinese ha visitato l’Itm-Cnr, diretto dal dottor Alberto Figoli, poi i dipartimenti del Diatic del Dimes, discutendo su tematiche di ricerca inerenti l’ingegneria chimica, in particolare sulle tecnologie di trattamento intelligente dell’acqua, dei polimeri e delle membrane.

Ad accogliere la delegazione cinese al rettorato, per la firma, oltre al rettore Leone erano presenti il professor Giancarlo Fortino, che a breve ricoprirà la delega alle attività di internazionalizzazione con la Cina, e dal dottor Giampiero Barbuto, responsabile dell’ufficio di internazionalizzazione dell’ateneo.

«La visita della delegazione della Nanjing Tech University – ha spiegato il rettore Nicola Leone – rappresenta un’opportunità importante per individuare percorsi di ricerca comuni e favorire sia la mobilità in uscita dei nostri studenti e ricercatori verso un Paese in grande crescita scientifica, sia la mobilità in entrata di studiosi cinesi nei nostri laboratori, nell’ottica del rafforzamento delle relazioni e degli scambi internazionali. Obiettivo di accordi come quello firmato oggi, o il precedente siglato pochi giorni fa con un’altra università cinese, la Huazhong Agricultural University (Hzau), è proprio quello di instaurare e intensificare rapporti di collaborazione con gli altri atenei esteri per un adeguato sviluppo delle funzioni istituzionali di insegnamento e di ricerca e per favorire il processo di internazionalizzazione dell’Unical».

L’accordo siglato oggi prevede cooperazione didattico-scientifica, promuovendo lo scambio di docenti ai fini di ricerca e didattica tra le due Università in aree di comune interesse quali l’ingegneria chimica, la chimica, la scienza dei materiali, l’internet delle cose e l’intelligenza artificiale. Promuove inoltre lo scambio di studenti finalizzato a periodi di studio per esami e per ricerca tesi a livello triennale, magistrale e dottorato di ricerca. Si stanno, inoltre, definendo futuri accordi di “dual-degree” per alcune lauree magistrali, che permetteranno a studenti italiani e cinesi di conseguire il doppio titolo dopo aver trascorso l’ultimo anno del proprio percorso di studi, incluso il lavoro di tesi, presso l’università straniera.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: