Il portale dell'informazione.

Diamante (Cs) :: Psc: la giunta diserta l‚Äôassise. Seconda convocazione fissate per marted?¨ 23

278

DIAMANTE :: 19/12/2008 :: Niente di nuovo sul piano strutturale comunale. Almeno per il momento. Il tanto discusso consiglio comunale straordinario, convocato per ieri pomeriggio in prima convocazione dalla giunta Magorno nonostante la diffida delle minoranze, non si è tenuto.

La motivazione ufficiale è l’assenza del sindaco Magorno per sopraggiunti impegni istituzionali. Pare infatti che il primo cittadino si sia recato a Roma presso il ministero della funzione pubblica per affrontare un’altra questione spinosa, quella legata alla carenza in seno alla pianta organica dell’ente. Alla seduta della pubblica assise erano presenti soltanto il presidente del consiglio Angelo Sticozzi, il segretario Rosa Santoro, e i consiglieri di minoranza Fabio Cavalcanti e Giuseppe Pascale oltre ad una pila di atti riguardanti permessi e lottizzazioni oggetto dei punti all’ordine del giorno. Cavalcanti e Pascale sono pronti a scommettere che il consiglio comunale non avrà luogo neanche in seconda convocazione martedì 23 dicembre, ma se si considera che la politica urbanistica è stato uno dei punti forti della campagna elettorale della lista “Il Sole”, la giunta Magorno dovrà in breve tempo dare delle risposte concrete. L’indirizzo della giunta era evitare nuovi scempi soprattutto alla luce dell’eredità di casi come Largo Savonarola, balzato all’attenzione della stampa nazionale, e della lottizzazione Pina Pina in zona a vincolo archeologico, ma al di là di queste valutazioni resta ferma la necessità di presentare il piano strutturale comunale entro il 31 dicembre per evitare la nomina di un commissario ad acta, eventualità che la giunta Magorno pare intenzionata a scongiurare in ogni caso. La salomonica soluzione potrebbe essere un’approvazione unanime del piano in sede di consiglio dove prevedere postille correttive, ma difficilmente la minoranza accetterà il compromesso. Intanto ulteriori voci di corridoio, prontamente smentite dall'assessore al'urbanistica Gaetano Sollazzo, parlano di una diffida ricevuta da parte dell’assessore regionale Michelangelo Tripodi ad approvare il piano anche sulla base dell’ordinanza del tar Calabria che aveva sospeso l’efficacia dei provvedimenti con i quali erano stati assegnati gli incarichi professionali. Domani entra l’inverno e senza dubbio sarà molto caldo. Almeno sul piano politico.

Gaetano Bruno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: